1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Museo di arte sacra

Dove si trova

Chiesa di S.Agostino
Piazza XX Settembre
56048 - Volterra (PI)


Sede distaccata
Palazzo Vescovile
Via Roma, 13 
56048 - Volterra (PI)

 

Recapiti


e-mail:

ubce@diocesivolterra.org

archiviostorico@diocesivolterra.org
 
 
Direttore scientifico del Museo di Arte Sacra: Dott. Umberto Bavoni

 
 
 

Caratteristiche

 
Ingresso

Il Museo di Arte Sacra (sede centrale) si trova all'interno della monumentale Chiesa di Sant'Agostino.

Auspicato da Corrado Ricci ai primi del nostro secolo, fu costruito e aperto il 20 dicembre 1932, grazie al Canonico Maurizio Cavallini, che curò la raccolta degli oggetti e la disposizione nei locali dell'attuale Palazzo Vescovile di Via Roma (oggi sede distaccata dello stesso Museo).
Danneggiato durante gli eventi bellici del 1944, fu riaperto al pubblico completamente riordinato dalla Soprintendenza il 4 giugno 1956. Rimasto chiuso negli anni '80 per interventi strutturali e per dotarlo dei necessari impianti di allarme e antincendio, il Museo è stato riaperto al pubblico il 19 dicembre 1992 e nel 2017 trasferito nella Chiesa di Sant'Agostino, a seguito del lascito testamentario della signora Franca Paoletti Adamo.

Oltre al corredo originale della Chiesa, l'esposizione nella nuova sede presenta opere provenienti dalla Cattedrale e, in piccola parte, da altre Chiese della Diocesi; ma il suo pregio maggiore è quello di presentare, i dipinti, i reliquiari, gli arredi e le varie suppellettili sacre nel luogo per il quale furono concepite e prodotte.
All'ingresso il visitatore noterà in alto un imponente architrave in pietra del sec. X, appartenuto un tempo alla Chiesa di San Lorenzo a Montalbano (Siena); al di sotto di esso diverse campane antiche, che emergono dalla terra, a rappresentare simbolicamente i numerosi campanili della Diocesi.
Oltrepassato il punto di accoglienza (dotato di moderni impianti multimediali), il visitatore potrà salire sulla pedana centrale, disposta come un grande tappeto rosso che conduce verso l'altare. I dipinti maggiori sono esposti al di fuori della pedana, su pannelli rossi collocati a parete tra gli altari laterali: in questo modo l'architettura della chiesa e il suo corredo di opere non sono alterate dalla nuova funzione museale.

 
 
Crocifisso dipinto di pittore toscano del XIII sec.

Sulla sinistra un crocifisso in legno dipinto del sec. XIII proveniente da Castelfiorentino e, sulla destra, una cinquecentesca acquasantiera in alabastro, la pietra caratteristica di Volterra, proveniente dalla Chiesa urbana di Sant'Andrea.
Sulla parete destra della chiesa la tavola raffigurante la "Madonna in trono e Santi", operadi Domenico di Michelino, pittore fiorentino del XV secolo.
Al centro della pedana, ilbusto in terracotta invetriata del papa e martire San Lino, patrono della Diocesi di Volterra, realizzato tra i sec. XV-XVI da Benedetto Buglioni.

 
 
Ciborio in alabastro

Avvicinandosi verso l'altare, sempre a destra, lo splendido ciborio in alabastro del sec.XVI, dalla caratteristica forma a tempietto circolare con colonne; mentre sulla parete della chiesa,unita con la sua predella, la magnifica tavola raffigurante "L'Annunciazione" di Benvenuto di Giovanni, datata 1466.

 
 
Busto di San Lino
 
Busto reliquiario di S.Ottaviano di orafo toscano del XV sec.

Sempre al centro della pedana, il busto reliquiario in argento e rame dorato, attribuito ad Antonio del Pollaiolo, raffigurante il Santo eremita Ottaviano, anch'egli protettore della città di Volterra; quindi una serie di antichi paramenti sacri, realizzati in pregiati tessuti, che accompagnano il visitatore, come in una processione, nel suo percorso di avvicinamento all'altare.
Nella cappella dei Santi Innocenti, a destra dell'altare maggiore, uno dei due capolavori di Giovambattista di Jacopo, detto Rosso Fiorentino: la "Madonna in trono tra i Santi Giovanni Battista e Bartolomeo", eseguita nel 1521 per l'antica pieve di Villamagna.
Nella cappella alla sinistra dell'altare maggiore si trova invece la tavola del più grande pittore volterrano del '600, Baldassarre Franceschini, raffigurante i "Santi Tommaso di Villanova e Chiara di Montefalco", che fa da cornice al tabernacolo dove si conservava la reliquia delle Sante Spine della corona di Cristo.
Nell'ultima vetrina di sinistra sulla pedana, un prezioso antifonario in due volumi, riccamente miniato nel 1300 da un monaco agostiniano.
Sulla parete della Chiesa si apre la porta che conduce nella Sacrestia, conservata con gli originali mobili seicenteschi e con due vetrine dove si possono ammirare preziose opere di oreficeria, anche moderne. Rientrati in Chiesa, infine,avviandosi verso l'uscita, merita una sosta la "Madonna in trono tra i Santi Pietro e Paolo", tavola dipinta nel 1545 per la piccola chiesa rurale di Ulignano da Daniele Ricciarelli da Volterra, meglio conosciuto come "il Braghettone" per aver vestito gli ignudi della michelangiolesca Cappella Sistina.