1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Biblioteca Guarnacci, Archivio storico e Biblioteca Comunale

  1. Biblioteca Guarnacci
  2. Archivio storico comunale
  3. Biblioteca Comunale
 

Dov'è la Biblioteca

Palazzo Vigilanti
Via Don Minzoni n° 3
56048 Volterra (PI)

 

Recapiti

Tel. 0588 85449
Fax 0588 90987

e-mail: biblioteca@comune.volterra.pi.it
 

 

Istruttore amministrativo
Aiuto bibliotecario
Luca Pini


 

Collaboratori
Sandra Biondi, Stefano Cari

 

Orario al pubblico 2016

 
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
dal 29 agosto al 15 maggio
9-13
9-13
15-19
9-13
15-19
9-13
15-19
9-13
9-13
 
ORARIO ESTIVO
dal 16 maggio al 28 agosto
9-13
9-13
15-19
9-13
9-13
15-19
9-13
 
 
 
Foto della facciata del Palazzo Vigilanti

Dal giorno 18 marzo 1985 è attiva a Volterra la Biblioteca Pubblica.

Ubicata in Via Don Minzoni n. 3, nei locali del Palazzo Vigilanti, essa nasce dalla riunione nello stesso edificio della celebre Biblioteca Guarnacci (a carattere storico e antiquario), dell'annesso Archivio Storico Comunale e della Biblioteca Comunale (a carattere contemporaneo).

In tal modo diviene così possibile per la collettività vedere razionalmente riunite (anche se in realtà topograficamente distinte) le tre importanti istituzioni a carattere storico-documentario-informativo che può vantare Volterra.
Un amalgama originale, quindi, e un sentiero ideale per attraversare la cultura del territorio spaziando dai documenti pergamenacei del X secolo alla letteratura contemporanea.


 
 
 

Biblioteca Guarnacci

Foto di vari libri antichi

La Biblioteca Guarnacci è a carattere conservativo e antiquario ed è una delle più importanti biblioteche storiche della Toscana.

E' stata fondata nel 1786 con un lascito testamentario a favore dei cittadini di Volterra di circa 7.000 volumi da parte dell'abate ed erudito volterrano Mons. Mario Guarnacci.

Nel corso del tempo questa biblioteca è andata costantemente accrescendosi con acquisti, depositi e donazioni fino a raggiungere la ragguardevole dimensione attuale di circa 50.000 volumi. Tra questi spiccano un ingente patrimonio di 514 manoscritti (tra cui pregevolissimi codici miniati come l'Epitalamio composto da G.F.Marliano per le nozze di Bianca Maria Sforza con Giovanni di Mattia Corvino, con una celebre miniatura che riproduce l'effigie del grande re d'Ungheria), 273 incunaboli (di particolare interesse l'unico esemplare del Doctrinale di Alessandro de Villa Dei, stampato a Bologna presso Bazalerius de Bazaleriis nel 1489 o uno stupendo Breviarium Romanum su pergamena impresso a Venezia da Jenson nel 1478 e adorno di magnifiche miniature) e oltre 1.000 cinquecentine.

 
 
Foto di Statuto

Moltissime sono le opere dei secoli XVII e XVIII, per lo più di argomento teologico-religioso, letterario e storico, oltre a trattati di botanica, medicina, geografia e varie discipline umanistiche. Da segnalare in particolare la ricchissima sezione locale, autentica e fondamentale memoria storica per la città di Volterra e i suo territorio.

Alla stessa Biblioteca appartengono inoltre alcuni importanti fondi librari che mantengono tuttora intatta la loro fisionomia originaria come il Fondo Funaioli (circa 2.500 volumi, sec.XIX-XX) e il Fondo Pacciani (1450 volumi, sec.XIX) e notevoli depositi archivistici quali il Fondo Diplomatico (circa 3.000 pergamene di età compresa tra il 907 e il 1756), l'Archivio Maffei (258 filze, sec.XIV-XIX), le Carte Ricciarelli (sec.XVI-XIX), l'Archivio della Guardia Nazionale (1860-1870), l'Archivio dell'Accademia dei Riuniti (sec.XIX).

Presso la Guarnacciana sono infine conservati in deposito l'Archivio e la Biblioteca dell'Accademia dei Sepolti con la pregevole Collezione Aulo Persio Flacco e l'interessantissimo Erbario Amidei.

 
 

Archivio storico comunale

Foto di scaffale contenente i fascicoli dell'archivio

L'Archivio Storico Comunale, ricco di 16.200 pezzi tra filze e fascicoli, documenta lo svolgimento della storia locale dai tempi del libero comune all'Unità d'Italia (secc.XII-XIX).

L'archivio è ordinato in base alla natura degli atti secondo la seguente suddivisione:
1) Magistrature e uffici politici e amministrativi;
2) Finanze comunali, Ufficio dell'abbondanza e magistrature finanziarie;
3) Dogana del sale, tassa di grani, dazi;
4) Amministrazione della Dogana del sale;
5) Gabelle;
6) Magistrature giudiziarie;
7) Monasteri soppressi.

Vi si conservano inoltre documenti e registri catastali (estimi, arroti ecc.) relativi alle Comunità di Montecatini Val di Cecina, La Sassa, Gello, Querceto, Micciano, Montecastelli, Pomarance e Mazzolla (secc.XVI-XIX). 
 
 regole dei accesso all'archivio storico


 

 
 

Biblioteca Comunale

Foto dell'ingresso della Biblioteca

La Biblioteca Comunale è aperta a tutti senza limiti di età, residenza, condizione sociale. La biblioteca infatti mira a garantire a tutti i cittadini il più ampio accesso possibile all'informazione e alla cultura.
 
Mentre la biblioteca Guarnacci e l'Archivio Storico Comunale sono ospitati rispettivamente al I e al II piano di Palazzo Vigilanti, in locali chiusi al pubblico, la Biblioteca Comunale occupa tutto il piano terreno dell'edificio ed è interamente accessibile.
 
Essa si suddivide in una Sala di Lettura, in un'Emeroteca e in una Sezione Ragazzi.

A rendere più invitante e familiare la consultazione e la frequentazione della Biblioteca sta poi il fatto che il materiale di lettura è collocato in scaffali aperti ai quali gli utenti possono accedere direttamente per visionare, leggere o scegliere in piena libertà libri, giornali e periodici; l'operazione di ricerca dei volumi nella sala di lettura è inoltre resa più semplice e razionale dal sistema di catalogazione adottato (Classificazione decimale Dewey) che permette a chiunque di reperire prontamente l'opera desiderata o di conoscere esattamente le disponibilità della Biblioteca su un determinato argomento.

A completare infine la serie degli strumenti necessari all'utente per orientarsi tra nomi, titoli e classificazioni, oltre, naturalmente, alla presenza e al valido aiuto degli operatori di Biblioteca, vi sono due computer che permettono l'accesso alla banca dati delle opere conservate presso la Biblioteca.
 
Attualmente risulta informatizzato l'intero catalogo della sezione contemporanea (circa 15.000 records) e parte della Biblioteca Guarnacci (circa 12.000 records).

 

Come abbiamo detto, la Biblioteca Comunale si compone di tre sezioni ben distinte, ciascuna rivolta a soddisfare precise esigenze di informazione, di lettura, di studio o di svago e finalizzate ai bisogni culturali di ogni fascia d'età. In particolare, i tre settori si possono suddividere nel modo seguente:

SALA DI LETTURA: è il cuore della Biblioteca. Situata accanto all'ingresso, dispone di 16 posti. Vi si trovano i computer che permettono la consultazione del catalogo informatico e gli schedari cartacei per autore e per soggetto relativi alla Biblioteca Comunale e alla Biblioteca Guarnacci, l'inventario dell'Archivio Storico e tutto il materiale librario della Comunale. Il patrimonio bibliografico della Biblioteca Comunale assomma a 12.000 unità; È inoltre la sala di consultazione generale per tutta la struttura.

EMEROTECA: mette a disposizione del pubblico 6 quotidiani ogni giorno e 7 periodici ogni mese.

SEZIONE RAGAZZI: in tre sale; è un settore estremamente frequentato dove i ragazzi trovano i materiali di lettura per ricerche scolastiche e per svago, oltre a un certo numero di fumetti, il tutto in locali spaziosi e accoglienti.

 

SERVIZI OFFERTI DALLA BIBLIOTECA

INFORMAZIONI: in Biblioteca si possono avere notizie su attività e iniziative culturali, promosse dalla Biblioteca e informazioni di carattere bibliografico.

ASSISTENZA BIBLIOGRAFICA agli utenti e ausilio nella consultazione di schedari e cataloghi.

PRESTITO gratuito di libri per la durata di un mese, per un massimo di tre opere o 4 volumi. Al servizio sono ammessi tutti i cittadini senza limiti di età, residenti nel Comune di Volterra. Il prestito può essere rinnovato. E' possibile prenotare opere richieste che fossero in prestito. Al momento della restituzione dell'opera prenotata viene comunicato all'utente che essa è a sua disposizione

FOTOCOPIE: si effettua il servizio di fotocopie al costo di € 0,10 per il formato A4 e di € 0,20 per il formato A3 ciascuna.

TUTTI I SERVIZI OFFERTI DALLA BIBLIOTECA SONO GRATUITI eccetto il servizio fotocopie.

LA RETE BIBLIOLANDIA

La Biblioteca di Volterra aderisce alla Rete Bibliotecaria BIBLIOLANDIA, una Rete di biblioteche nata nel 1999 che comprende oggi 37 biblioteche, di cui 21 comunali, 13 scolastiche e 3 private, tutte dislocate tra Valdera, Basso Valdarno e Valdicecina.
 
BIBLIOLANDIA costituisce una grande biblioteca di oltre 300.000 volumi. Di questi, circa 255.000 sono attualmente catalogati in forma elettronica e possono essere ricercati nel catalogo unico collocato in rete all'indirizzo internet http://bibliolandia.it dove una maschera permette di effettuare la ricerca per "campi" e introduce l'utente all'inserimento delle indicazioni di autore, parole del titolo, editore.
Attraverso il prestito interbibliotecario è possibile far recapitare presso ciascuna biblioteca comunale, su richiesta di qualsiasi utente, uno o più libri presenti nel catalogo della Rete Bibliolandia.
Un servizio settimanale permette la circolazione dei volumi e dei documenti. Insieme al catalogo collettivo, il recapito settimanale dei libri consente a Bibliolandia di funzionare come un'unica grande biblioteca con punti di accesso distribuiti in tutto il territorio di riferimento.
Il servizio è libero e gratuito. Tutti i cittadini possono recarsi presso la propria biblioteca di riferimento e consultare il catalogo di Bibliolandia per cercare il libro desiderato.
Se il volume non fosse disponibile localmente l'utente potrà prenotarlo e ottenerlo tramite il servizio settimanale di consegna da una delle biblioteche della Rete.
Dalla consultazione del catalogo si evidenzia anche la specifica biblioteca o le biblioteche che possiedono i volumi ed un utente che abbia urgente bisogno di un testo potrà eventualmente recarsi di persona presso la biblioteca che lo possiede ed ottenerne il prestito.

LIBRI IN RETE

La Biblioteca di Volterra aderisce al servizio "Libri in Rete" attuato dalla Regione Toscana.
Consultando il metaopac regionale all'indirizzo http://web.rete.toscana.it/metaopac/index.jsp oppure chiedendo aiuto nella ricerca presso la biblioteca, è possibile consultare un catalogo virtuale di 4.200.000 titoli; trovato il libro che interessa, è possibile chiederlo in prestito tramite il servizio regionale "Libri in Rete". Un corriere provvederà a recapitare il libro presso la Biblioteca richiedente senza alcuna spesa per l'utente.