testata per la stampa della pagina

dall'Ottocento ai giorni nostri

Foto storica di antica locomotiva alla stazione di Volterra

Verso la fine del XVIII sec. e nella prima metÓ del XIX sec. si registrano incrementi nell'agricoltura, nella commercializzazione dell'alabastro e un decisivo miglioramento nei collegamenti viari; l'abitato urbano Ŕ oggetto di un generale adeguamento e riordinamento: si ha la costruzione del teatro Persio Flacco (1819), l'apertura della passeggiata dei ponti e della nuova carrozzabile per le saline (1833) nonchŔ il restauro degli edifici posti nella piazza dei Priori (1846).

Nella seconda metÓ del secolo, dopo l'unitÓ d'Italia, a parte alcune ristrutturazioni degli spazi all'interno del centro storico per far posto agli uffici del nuovo regno, l'intervento di maggior rilievo Ŕ la creazione dell'ospedale psichiatrico (1888). Infine il 13 marzo 1860 con 2315 voti favorevoli, 44 dispersi e 78 contrari Volterra vota la sua annessione all'Italia unita, pagando il suo contributo di sangue sia all'edifiazione dell'unitÓ nazionale nella guerra 1915-18 sia alla lotta di resistenza contro il fascismo. In passato l'economia del terrritorio si basava soprattutto sulla estrazione del rame, dell'allume, dell'alabastro e del sale che venivano lavorati nelle manifatture volterrane ed esportati.
Oggi, con l'emigrazione avvenuta nel secondo dopoguerra, l'industria si basa su piccole aziende artigianali per la lavorazione dell'alabastro, sull'estrazione del salgemma, su qualche industria metelmeccanica e chimica; la popolazione residente dalle 17840 unitÓ nel 1951 Ŕ scesa a 13800 nel 1991.
Una delle fonti principali di reddito Ŕ attualmente il turismo: Volterra infatti Ŕ in grado di mostrare non solo i grandi monumenti che hanno caratterizzato i suoi 30 secoli di storia ma possiede e gelosamente conserva tre strutture museali di notevole interesse storico artistico, il Museo Guarnacci, la Civica Pinacoteca e il Museo Diocesiano di Arte Sacra.

 
 
Foto storica: antica bottega artigiana di alabastro
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito