1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

«Sarebbe opportuno che, in fase di approvazione del futuro PSR, la politica si ricordasse anche dello sviluppo della viabilità tra la Valdelsa e la Valdicecina»

«Sarebbe opportuno che, in fase di approvazione del futuro PSR, piano di sviluppo regionale, la politica si ricordasse anche dello sviluppo della viabilità tra la Valdelsa e la Valdicecina, perchè questa zona non potrà avere futuro fino a quando non si inizierà a parlare seriamente di investimenti infrastrutturali». Così l'assessore alla viabilità del Comune di Volterra Paolo Moschi. «Dopo un'attenta analisi dei flussi si può affermare che il traffico sulla 68 è un traffico medio-alto, quindi di deciso interesse regionale - spiega -. Dai rilevamenti effettuati dal Comune di Volterra, sulla SR 68 alla fine dell'abitato di San Lazzaro, sulla direttrice per Colle-Siena, e quindi escludendo il traffico urbano, alla fine del mese di settembre, abbiamo registrato una media superiore ai 6 mila passaggi giornalieri. Facile dedurre che in luglio e nei giorni di ponte, si possa sfiorare i 9-10 mila passaggi giornalieri. Sono cifre decisamente alte, che evidenziano l'importanza dell'arteria, che ha numeri simili a diversi tratti della SR 2 Cassia, o della SR 206 (Cecina-Pisa). Con la differenza che gli investimenti sulla SR 68 sono stati decisamente minori.
Dai rilievi fatti invece ad ottobre, nel versante per Saline-Cecina, sempre sulla 68, alla fine dell'abitato di Volterra, i passaggi sono tra i 7 e gli 8 mila giornalieri. Cifre consistenti, che includono anche il traffico interno alla Valdicecina, ma che sono significativi dell'importanza di una strada forse sottostimata nel recente passato».