1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

Il consigliere con delega Fidi: «L'intervento si è reso necessario perché non possiamo permettere che casi isolati creino disguidi al sistema e di conseguenza danneggino i concittadini che si impegnano»

Prima sanzione comminata a Volterra per mancato rispetto delle regole della raccolta differenziata porta a porta. La prima multa, da 200 euro, è stata fatta per aver messo fuori dalla porta la frazione errata di rifiuto rispetto a quella prevista in quel giorno. «Gestire un sistema come la raccolta differenziata porta a porta non è semplice - spiega il consigliere con delega Massimo Fidi - , questo prevede infatti, il rispetto di alcune regole basilari, che, se rispettate aiutano a raggiungere obiettivi ambiziosi, ma se trascurate creano danno alla comunità.
Dall'inizio del "porta a porta" ci sono stati numerosi casi di conferimenti errati sia per quanto riguarda l'ordine merceologico del rifiuto, sia per la mancata osservanza del calendario, e casi eclatanti di migrazione, vale a dire cittadini del centro storico, che andavano a portare i loro sacchi nei bidoni di prossimità in campagna. Decine sono stati i controlli effettuati e, dopo aver sensibilizzato nuovamente i cittadini ad osservare le regole laddove non si rispettavano, questa settimana è stata comminata la prima sanzione. L'intervento si è reso necessario perché non possiamo permettere che casi isolati creino disguidi al sistema e di conseguenza danneggino gli altri concittadini che si impegnano a conferire regolarmente il rifiuto. Continueremo pertanto su questa strada, cercando di collaborare con tutta la popolazione al fine di raggiungere i risultati che ci siamo prefissi, cercando di sensibilizzare e chiarire dubbi a tutti coloro che hanno perplessità a riguardo».
«Intendiamo proseguire nel tempo coi controlli e con le sanzioni - aggiunge il sindaco del Comune di Volterra Marco Buselli - , anche per dare indirettamente il giusto riconoscimento a chi invece si impegna».