1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

L'amministrazione comunale non esclude, visti i buoni risultati, che il progetto possa ampliarsi

Funziona il "modello Volterra" di integrazione dei profughi attraverso lavori volontari svolti nell'ambito del decoro urbano. «I ragazzi hanno saputo mettere a disposizione della comunità che li accoglie la propria opera e la propria disponibilità - dichiara il sindaco Marco Buselli - Ai soliti detrattori del gruppo della destra volterrana, possiamo dire con orgoglio che il "modello Volterra" funziona». I cinque profughi accolti al Santa Chiara si stanno occupando di attività di lavoro volontario coordinate dal consigliere con delega Massimo Fidi, quali lo spazzamento manuale, la pulizia di fognature, pozzetti e caditoie, lavaggio manto stradale, raccolta di rifiuti in qualità di operatore ecologico. Tra le prime aree interessate dal progetto ci sono le scalinate di Docciola, tra le antiche fonti medioevali della città. L'amministrazione comunale non esclude, visti i buoni risultati, che il progetto possa ampliarsi. La regia del progetto è dell'assessorato al sociale di Francesca Tanzini, che si avvale della collaborazione di Croce Rossa e Misericordia di Volterra.

fonte: Ufficio Stampa