1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

COMUNICATO STAMPA

DELIBERA DI GIUNTA SU OPERE PUBBLICHE E' REGOLARE

 
Comunicato Stampa

«E' pacifico, in ragione della natura tecnica dei pareri in parola che la loro acquisizione, laddove, per qualsiasi ragione, risulti omessa ex ante, rispetto alla deliberazione, possa essere compiuta ex post»

 
«La delibera di Giunta con cui è stato adottato il programma triennale delle opere pubbliche non è né nulla, né invalida a causa della mancata, previa acquisizione dei pareri (tecnico e finanziario);
la loro acquisizione postuma è sicuramente idonea a regolarizzarne il contenuto». E' quanto ha espresso l'avvocato Giancarlo Altavilla consultato dall'Amministrazione comunale sulla delibera del piano delle opere pubbliche a seguito dell'intervento della minoranza consiliare. «E' peraltro pacifico, in ragione della natura tecnica dei pareri in parola, - prosegue l'avvocato - che la loro acquisizione, laddove, per qualsiasi ragione, risulti omessa ex ante, rispetto alla deliberazione, possa essere compiuta ex post, così sanando quello che era non un vizio di legittimità del deliberato, ma solo una sua irregolarità. Ciò vale sempre e, per così dire, ancor di più vale con riferimento agli atti 'politici' (qual è il programma triennale delle opere pubbliche), rispetto ai quali il rilievo dei pareri in parola è più sfumato e 'rinviato' al momento della assunzione dei provvedimenti attuativi di quelli (che comportano affidamenti e spese).
Ciò - conclude la risposta al quesito - è quanto accaduto nel caso di specie, in cui, peraltro, la pubblicazione dell'atto (al fine di acquisire le eventuali osservazioni) è stata compiuta non prima, ma dopo la sua regolarizzazione: con buona pace di chiunque voglia intravedere nel Programma delle OO.PP. forzature procedimentali di qualsivoglia natura».